Luca Livrieri (Forcepoint), dati e utenti al centro del paradigma di security

La risposta di Forcepoint al mercato aperto dei servizi finanziari richiede una sicurezza sempre più dinamica e smart

I partecipanti al tavolo, che Data Manager ha dedicato ai temi della trasformazione digitale nel mondo finance, concordano sull’importanza della sicurezza dei dati nel contesto dei servizi più innovativi. Un obbligo di protezione legato alla compliance normativa, ma anche a quell’asset intangibile che il rapporto di fiducia che si stabilisce tra banca e cliente. A patto però, come è emerso nel corso della discussione, che la sicurezza informatica non diventi un ostacolo, interferendo con la fluidità delle transazioni digitali. «Si può dare sicurezza senza spaventare i clienti, anzi gli utenti se consideriamo che lo stesso principio di fluidità si deve applicare agli operatori interni alla banca. È proprio questo il senso della sicurezza “risk adaptive” di Forcepoint, una barriera che si attiva in modo automaticamente commisurato al livello di rischio». Secondo Luca Nilo Livrieri, Sales Engineering manager di Forcepoint Italy e Iberia, la salvaguardia dell’informazione digitale deve passare attraverso un costante e diversificato monitoraggio del comportamento dell’essere umano, il punto più debole della catena della sicurezza sia durante la relazione diretta con i dati, in fase cioè di accesso e trasferimento, sia nei momenti di carattere più transazionale.

(1737)

Loading the player...
About The Author
-