Videointervista a Eric Herzog, Vice President Storage Systems di IBM

Gli annunci di oggi dei nuovi sistemi storage all-flash di IBM riguardano soluzioni caratterizzate dalla compressione dei dati che porta la capacità da 57 Terabyte fino a 220 Terabyte senza che si debbano sacrificare le prestazioni, con notevoli vantaggi in termini di riduzione delle spese, sia in conto capitale, cioè le Capex, sia in conto esercizio, cioè le Opex, e in termini di rispetto degli SLA, i livelli di servizio, sia in ambito cloud sia nei data center tradizionali, grazie alla velocità tipica dei sistemi flash.

In sintesi abbiamo: capacità, performance e riduzioni nei costi e nelle spese. Dovendo invece individuare i due elementi più importanti di questi nuovi annunci di IBM, che è la seconda società di storage a livello globale, si evidenziano le prestazioni di elevatissimo livello, con capacità sempre maggiori in spazi occupati sempre minori, e i nuovi software per lo storage, che permettono per esempio il disaster recovery nel cloud pubblico e lo storage più sicuro in assoluto nel cloud privato.

Find more @ http://www.datamanager.it/2017/11/ibm-la-data-driven-economy-flash/

(2659)

About The Author
-